Cla Biert all’ASL

Per la versiun rumantscha selecziunai survart a dretga EN.

Cla Biert (1920–1981) si è profilato come narratore realistico, intenzionato a documentare il mondo agricolo della sua infanzia e giuventù nella Bassa Engadina: un modo di vivere e lavorare tradizionale nel microcosmo del vilaggio, con le sue tante varietà sociali e anche linguistiche – un mondo che in seguito si è radicalmente trasformato a partire dagli anni 1940 e 1950.

Cla Biert
Cla Biert, 1967
© Eredi Cla Biert / BN

Cla Biert è cresciuto a Scuol in una famiglia di insegnanti e contadini. Dopo la magistrale a Coira, lo studio da maestro secondario a Zurigo e i soggiorni a Ginevra, Losanna e Parigi, Cla Biert è stato insegnante in vari luoghi dei Grigioni, dal 1956 al 1975 a Coira. Ha trascorso i suoi ultimi anni a Sent. 

A partire dal 1948 Cla Biert ha pubblicato dei racconti realistici e fantastici per bambini e adulti, usciti su giornali e periodici romanci e in varie collezioni: «Pangronds» (1949), «Amuras» (1956), «Laina verda» (1957), «Fain manü» (1969). Dal 1955 ha lavorato al suo romanzo «La müdada» (1962 e 2012, trad. 2019). Postume sono apparse le collezioni «Il descendent» [in trad. it. «L’erede» (1981)], «Las fluors dal desert» (1993) e da ultimo, per il centenario, «L’odur dal füm. Raquints 1949–1980» (2020). 

Già i primi racconti di Biert sono stati tradotti in tedesco e in inglese; a oggi la ricezione della sua opera è trasversale alle lingue anche in italiano, in francese e nel ladino delle Dolomiti, tra l’altro nei volumi «Bei den Teichen» (1963), «Only a game» (1969), «Pigne acerbe» (1981), «I fiori del deserto» (1994), «Das Gewitter und andere Erzählungen» (2009).

Biert si impegnato per la cultura romancia e contemporaneamente è stato un pedagogo che si occupava di psicologia, filosofia e psicanalisi. Oltre alla sua attività come attore nella compagnia teatrale La Culissa, critico letterario e collaboratore alla radio Biert ha collezionato e interpretato delle canzoni popolari romance con la chitarra. Con sua moglie Angelica Biert-Menzel si è presentato anche su scene nazionali e internazionali.

Contatto

Biblioteca nazionale svizzera
Archivio svizzero di letteratura
Annetta Ganzoni
Hallwylstrasse 15
3003 Berna
Svizzera
Telefono +41 58 464 03 16
E-mail

Stampare contatto

https://www.nb.admin.ch/content/snl/it/home/chi-siamo/asl/fondi-archivi/primo-piano/biert.html