Peider Lansel all’ASL

Per la versiun rumantscha selecziunai survart a dretga EN.

Peider Lansel (1863–1943) conquistò la notorietà come poeta e pubblicista. Fu uno dei principali fautori della rinascita romancia e nel 1938 si impegnò per il riconoscimento del romancio come quarta lingua nazionale. Il lascito conservato dal 2010 presso l’Archivio svizzero di letteratura comprende le sue opere e offre uno spaccato rivelatore della storia della politica culturale in Svizzera.

Peider Lansel
Peider Lansel, ca. 1920
© Eredi Peider Lansel / BN

Peter Lansel nacque a Pisa da una famiglia di emigrati grigionesi originaria di Sent. Frequentò la scuola media in Svizzera e successivamente svolse l’apprendistato nell’azienda di famiglia in Toscana, attiva nel commercio di coloniali e nella fabbricazione di prodotti farmaceutici. All’età di 21 anni divenne direttore della filiale di Pisa. 

Nel 1906 Peider Lansel si ritirò a vita privata e da quel momento visse con la famiglia a Ginevra e Sent, oltre a viaggiare per gran parte dell’Europa. Dedicò molto tempo e un ingente patrimonio alla cura e alla documentazione della lingua e cultura romancia. 

Nel 1926 tornò ad occuparsi degli affari di famiglia e quasi contemporaneamente assunse la carica di console onorario a Livorno (1927–1934), attività che gli consentì di perseguire a livello nazionale il proprio impegno per la politica linguistica. La sua relazione «I Retoromanci» (1934) fu edita anche in tedesco, francese, inglese e romancio. 

Nel 1907 Peider Lansel pubblicò la sua prima raccolta di poesie con il titolo «Primulas», a cui seguì nel 1929 l’edizione definitiva «Il vegl chalamer». L’antologia di poesie «Musa ladina» del 1910 venne riproposta nel 1950 in una versione ampliata e integrata con testi di accompagnamento in francese, intitolata «Musa Rumantscha» e rivolta a un pubblico più ampio. 

Nel 1933 l’Università di Zurigo conferì a Peider Lansel il dottorato onorario per il suo impegno a favore della lingua e della cultura romancia. Nel 1943 fu il primo autore romanciofono a ricevere il Premio Schiller per la sua opera letteraria.

Contatto

Biblioteca nazionale svizzera
Archivio svizzero di letteratura
Annetta Ganzoni
Hallwylstrasse 15
3003 Berna
Svizzera
Telefono +41 58 464 03 16
E-mail

Stampare contatto

https://www.nb.admin.ch/content/snl/it/home/chi-siamo/asl/fondi-archivi/primo-piano/lansel.html