Giornata internazionale dell’alfabetizzazione 2019

L’8 settembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dell’alfabetizzazione. Come istituzione culturale e della memoria, la Biblioteca nazionale svizzera è solidale alla causa e in occasione di questo giorno importante pubblica un’opera di Emil Zbinden che illustra il romanzo di Jeremias Gotthelf «Leiden und Freuden eines Schulmeisters» (Dolori e gioie di un maestro di scuola).  

Leiden und Freuden eines Schulmeisters
Dolori e gioie di un maestro di scuola

Nonostante i progressi compiuti, l’analfabetismo persiste con ampie disparità in tutto il mondo. Secondo il Programma di sviluppo delle nazioni unite (PSNU), 64 milioni di bambini e bambine in età scolare primaria, di cui oltre la metà nell’Africa subsahariana, non sono ancora scolarizzati. Lo stesso destino colpisce una bambina su quattro nei Paesi in via di sviluppo.

Come istituzione culturale e della memoria, la Biblioteca nazionale svizzera (BN) si impegna per la democratizzazione del sapere e quindi ha a cuore la Giornata internazionale dell’alfabetizzazione. Infatti, per chi non sa leggere è praticamente impossibile accedere alle conoscenze conservate e rese disponibili dalla BN, nonostante gli sforzi di quest’ultima per digitalizzare le sue collezioni e renderle accessibili anche a distanza.

In occasione dell’8 settembre di quest’anno, la BN pubblicherà una riproduzione a stampa di un’incisione su legno realizzata da Emil Zbinden (1908–1991), che raffigura un maestro di scuola, i suoi alunni e le sue alunne durante una lezione. L’opera è conservata nel Gabinetto delle stampe e fa parte di un ricco fondo di questo artista svizzero, comprendente schizzi, stampe d’arte, corrispondenza privata, scritti autobiografici, cataloghi di mostre, strumenti e utensili per il disegno e la pittura e perfino degli importanti effetti personali.

Emil Zbinden nasce nel 1908 da una famiglia povera. Dal 1924 al 1928 compie un apprendistato come tipografo a Berna prima di partire per la Germania. Rientrato in Svizzera, tra il 1935 e il 1953 illustra sedici volumi dell’opera dello scrittore svizzero Jeremias Gotthelf (al secolo Albert Bitzius, 1797–1854), un lavoro che contribuirà alla sua fama internazionale. L’immagine che abbiamo scelto è tratta dall’edizione Büchergilde Gutenberg del 1939 di Leiden und Freuden eines Schulmeisters.

Emil Zbinden credeva profondamente negli esseri umani e nel raggiungimento della giustizia sociale: «Non sono pessimista. Continuo a credere nella volontà dell’uomo di creare un mondo più giusto. È un processo lungo e difficile, irto di ostacoli. Ma ci sono anche tanti segni di speranza. L’essere umano si rialza sempre dalle sconfitte. Nessun potere al mondo, nemmeno con la violenza, è finora riuscito a fargli accettare l’oppressione come qualcosa di immutabile. Prima o poi alza la testa e combatte per la giustizia nel mondo. E andrà avanti così fino a quando ci saranno esseri umani». Fonte della citazione liberamente tradotta: Alfred A. Häsler, Kunst für den Menschen. Gespräch mit Emil Zbinden. Ex Libris, Heft. Nr. 12, Dezember 1974.

 

Fonti:

Archivio di Emil Zbinden conservato presso la Biblioteca nazionale svizzera:

Alfred A. Häsler: Kunst für den Menschen. Gespräch mit Emil Zbinden. Ex libris, Heft. Nr. 12, Dezember 1974.
Article original et intégral disponible dans le fonds Emil Zbinden sous Materialien_Biografie_u_Werk mit Signatur EZ-021 -D4-ARTIK_135-140.

 

Altri fondi relativi a Emil Zbinden:

Informazioni su Emil Zbinden:

Libro di Jeremias Gotthelf:

Ultima modifica 08.09.2019

Inizio pagina

Contatto

Biblioteca nazionale svizzera
Hallwylstrasse 15
3003 Berna
Svizzera
Telefono +41 58 462 89 35
Fax +41 58 462 84 08
E-mail

Stampare contatto

https://www.nb.admin.ch/content/snl/it/home/chi-siamo/news/alphabetisierungtag.html