L’architettura della Biblioteca nazionale svizzera

La Biblioteca nazionale svizzera, costruita tra il 1927 e il 1931 e oggi monumento protetto, rappresenta una testimonianza del Movimento Moderno. La struttura razionale e luminosa rispecchia la impronta dell’architettura d’avanguardia degli anni Venti e Trenta del secolo scorso.

Aussenansicht der Nationalbibliothek
La fondazione della Biblioteca nazionale svizzera (BN) risale già al 1895, ma il trasferimento nella sua sede attuale avviene solo nel 1931. La costruzione di questo edificio è il risultato di un concorso lanciato a livello nazionale, con il presupposto che l'aspetto esteriore rispecchiasse in modo adeguato la funzione (amministrativa) dell'edificio rinunciando a qualsiasi tipo di sfarzo. Il progetto più convincente viene presentato dal collettivo di architetti Alfred Oeschger (1900-1963), Emil Hostettler (1887-1972) e Josef Kaufmann (1882-1962). Realizzato infine tra il 1927 e il 1931, l'edificio costituisce uno dei primi esempi del Movimento Moderno nella Città di Berna. La sua struttura pulita, razionale, funzionale e luminosa, che si sviluppa in modo simmetrico dalla torre centrale di otto piani lungo le due ali laterali, testimonia dell'architettura d'avanguardia degli anni Venti e Trenta del secolo scorso.
 
Tra il 1994 e il 2001 il collettivo Architektengemeinschaft Landesbibliothek, formato da Andreas Furrer (*1942), Kurt Moritz Gossenreiter (1941-2007) e Christoph Stuber (*1953) è incaricato dei lavori per il risanamento completo e l'ampliamento della BN. L'edificio, oggi sotto la protezione dei monumenti storici, viene conservato per quanto possibile nel suo aspetto esteriore e contemporaneamente adeguato alle esigenze di una biblioteca al passo con i tempi. L'intervento più incisivo è costituito dalla realizzazione di un complesso di sette piani di magazzini sotterranei nella parte est del giardino. Una parte della torre centrale liberata dai magazzini viene aperta al pubblico e attrezzata di postazioni di lavoro per l'utenza. Tra il 2005 e il 2009 segue la costruzione del secondo magazzino sotterraneo di quattro piani nella parte ovest.
 
La BN è un'opera architettonica significativa ed esemplare che collega le idee dell'avanguardia al Movimento Moderno.

 

Fonte: Monica Bilfinger, La Biblioteca nazionale svizzera a Berna, Guide storico-artistiche della Svizzera, Società di storia dell'arte svizzera SSAS e Ufficio federale delle costruzioni e della logistica UFCL (a c.), Berna 2001.

https://www.nb.admin.ch/content/snl/it/home/la-biblioteca-nazionale-svizzera---tutto-sulla-svizzera/l_architettura-della-biblioteca-nazionale-svizzera.html