Politica di acquisizione

La politica di acquisizione dell’ASL è incentrata sulle quattro letterature della Svizzera dal Novecento ai giorni nostri.

Impressione presa dal laboratorio poetico di Adolfo Jenni, 1930
Impressione presa dal laboratorio poetico di Adolfo Jenni, 1930

 L'ASL raccoglie in primo luogo archivi e lasciti letterari di autrici e autori svizzeri.

L'attività collezionistica si è finora concentrata su due periodi della storia letteraria: il periodo fra le due guerre e la letteratura dal 1968 ad oggi.

Inoltre L'ASL acquisisce regolarmente anche lasciti di studiosi e di critici letterari.

La politica di acquisizione prevede anche l'integrazione di archivi di istituzioni culturali in senso lato, vale a dire case editrici, associazioni di autori e autrici, società e riviste. Costituisce un nuovo punto forte della collezione la letteratura di esuli e immigrati in Svizzera.

I criteri di scelta per l' acquisizione di fondi e lasciti comprendono la qualità estetica, il canone, la loro rappresentatività nel panorama letterario e la loro ricezione nazionale e internazionale nella critica letteraria. Vengono anche presi in considerazione i legami con le altre collezioni e il ruolo che essi hanno nel potenziamento di un contro-canone come la letteratura femminile, la poesia concreta, i cantautori.

Poiché la collezione ripercorre lo sviluppo storico delle quattro letterature della Svizzera, viene curata anche la rappresentatività delle diverse generazioni.

Contatto

Biblioteca nazionale svizzera
Archivio svizzero di letteratura ASL
Hallwylstrasse 15
3003 Berna
Svizzera
Telefono: +41 58 462 92 58
Fax: +41 58 462 84 08
arch.lit@nb.admin.ch

Stampare contatto

https://www.nb.admin.ch/content/snl/it/home/collezioni/l_archivio-svizzero-di-letteratura-asl/l_asl--un-archivio-per-le-quattro-letterature-della-svizzera/politica-di-acquisizione.html